Da Boezio a Valla. Sulle variazioni storico-semantiche di «persona»