Recensione a A. BROCCOLI, Il potere tra dialettica e alienazione