Perché raccontarsi in radio è più facile che in altre forme di storytelling mediale? L'assenza dell'immagine, il realismo offerto dai suoni, il potere disincarnato delle voci contribuiscono a creare un rapporto intimo e caldo tra chi parla e chi ascolta, anche se poi chi parla (Matteo Caccia, autore-conduttore-confessore) sta solo interpretando l'autobiografia di uno dei tanti ascoltatori di Radio24.

Perrotta, M. (2015). Trame immaginarie e frammenti di realtà nelle forme dell’autobiografia radiofonica. BN(582-583), 99-105.

Trame immaginarie e frammenti di realtà nelle forme dell’autobiografia radiofonica.

PERROTTA, MARTA
2015

Abstract

Perché raccontarsi in radio è più facile che in altre forme di storytelling mediale? L'assenza dell'immagine, il realismo offerto dai suoni, il potere disincarnato delle voci contribuiscono a creare un rapporto intimo e caldo tra chi parla e chi ascolta, anche se poi chi parla (Matteo Caccia, autore-conduttore-confessore) sta solo interpretando l'autobiografia di uno dei tanti ascoltatori di Radio24.
Perrotta, M. (2015). Trame immaginarie e frammenti di realtà nelle forme dell’autobiografia radiofonica. BN(582-583), 99-105.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/291229
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact