Sulla città plurale: riflessioni sul libro di Lucio Altarelli