La promozione e la protezione del diritto al cibo, fattispecie giuridica introdotta tra i diritti di seconda generazione nell’ambito della disciplina internazionale dei diritti umani in vigore nel sistema delle Nazioni Unite dalla metà degli anni ‘70, assume oggi un rilievo centrale non soltanto se viene letta nella dimensione astratta ed in relazione alla necessità di riaffermare la titolarità collettiva del diritto di accesso al prodotto alimentare, in una accezione ampia e complessa. Indubbiamente un peso maggiore assume la componente dinamica e concreta di tale fattispecie allorché divenga tema centrale in numerosi processi di natura cooperativa, in contesti programmatici e progettuali prevalentemente multibilaterali, che vedono la partecipazione attiva di donatori pubblici e privati, imprese ed organizzazioni non governative, a supporto di interventi tradizionali Nord-Sud o anche di nuovi ed interessanti percorsi propri della cooperazione Nord-Nord e Sud-Sud.Tutti gli impegni ora richiamati rientrano in modo diretto ed indiretto nel mandato del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, analizzato nel presente contributo.

Carletti, C. (2015). Diritto al cibo, tra accessibilità e giustiziabilita’. Il contributo del Relatore Speciale delle Nazioni Unite al dibattito sul tema. ORDINE INTERNAZIONALE E DIRITTI UMANI(2), 380-388.

Diritto al cibo, tra accessibilità e giustiziabilita’. Il contributo del Relatore Speciale delle Nazioni Unite al dibattito sul tema

CARLETTI, CRISTIANA
2015-01-01

Abstract

La promozione e la protezione del diritto al cibo, fattispecie giuridica introdotta tra i diritti di seconda generazione nell’ambito della disciplina internazionale dei diritti umani in vigore nel sistema delle Nazioni Unite dalla metà degli anni ‘70, assume oggi un rilievo centrale non soltanto se viene letta nella dimensione astratta ed in relazione alla necessità di riaffermare la titolarità collettiva del diritto di accesso al prodotto alimentare, in una accezione ampia e complessa. Indubbiamente un peso maggiore assume la componente dinamica e concreta di tale fattispecie allorché divenga tema centrale in numerosi processi di natura cooperativa, in contesti programmatici e progettuali prevalentemente multibilaterali, che vedono la partecipazione attiva di donatori pubblici e privati, imprese ed organizzazioni non governative, a supporto di interventi tradizionali Nord-Sud o anche di nuovi ed interessanti percorsi propri della cooperazione Nord-Nord e Sud-Sud.Tutti gli impegni ora richiamati rientrano in modo diretto ed indiretto nel mandato del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo, analizzato nel presente contributo.
Carletti, C. (2015). Diritto al cibo, tra accessibilità e giustiziabilita’. Il contributo del Relatore Speciale delle Nazioni Unite al dibattito sul tema. ORDINE INTERNAZIONALE E DIRITTI UMANI(2), 380-388.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/298207
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact