Il contributo intende fornire una ricostruzione dei prodromi che hanno condotto gli Stati membri dell’Unione europea, nelle sedi organiche istituzionali competenti, ad elaborare ed adottare nel luglio 2015 il nuovo Piano d’Azione sui Diritti Umani e la Democrazia per il periodo 2015-2019. Nel documento, in linea con il rinnovato assetto normativo e con il progressivo rafforzamento istituzionale europeo, rappresentato dal Comitato Politico e di Sicurezza e del Working Party sui Diritti Umani del Consiglio, dal Servizio Europeo per l’Azione Esterna, dall’Alto Rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e dal Rappresentante Speciale dell’Unione europea sui Diritti Umani, si enunciano le cinque aree d’azione nelle quali si intende operare, da sottoporre a verifica intermedia nel 2017: il rafforzamento del ruolo degli interlocutori locali; la risposta alle sfide poste dalla protezione dei diritti umani; l’utilizzo di un approccio comprensivo basato sui diritti umani per prevenire e gestire situazioni di crisi e di conflitto nei Paesi terzi; il consolidamento dei principi della coerenza e della concretezza degli interventi; la formulazione di una politica più efficace per la protezione dei diritti umani e la promozione della democrazia.

Carletti, C. (2015). Diritti umani e democrazia: il nuovo Piano d’Azione dell’Unione europea per il 2015-2019. LA CITTADINANZA EUROPEA(2), 79-101.

Diritti umani e democrazia: il nuovo Piano d’Azione dell’Unione europea per il 2015-2019

CARLETTI, CRISTIANA
2015

Abstract

Il contributo intende fornire una ricostruzione dei prodromi che hanno condotto gli Stati membri dell’Unione europea, nelle sedi organiche istituzionali competenti, ad elaborare ed adottare nel luglio 2015 il nuovo Piano d’Azione sui Diritti Umani e la Democrazia per il periodo 2015-2019. Nel documento, in linea con il rinnovato assetto normativo e con il progressivo rafforzamento istituzionale europeo, rappresentato dal Comitato Politico e di Sicurezza e del Working Party sui Diritti Umani del Consiglio, dal Servizio Europeo per l’Azione Esterna, dall’Alto Rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza e dal Rappresentante Speciale dell’Unione europea sui Diritti Umani, si enunciano le cinque aree d’azione nelle quali si intende operare, da sottoporre a verifica intermedia nel 2017: il rafforzamento del ruolo degli interlocutori locali; la risposta alle sfide poste dalla protezione dei diritti umani; l’utilizzo di un approccio comprensivo basato sui diritti umani per prevenire e gestire situazioni di crisi e di conflitto nei Paesi terzi; il consolidamento dei principi della coerenza e della concretezza degli interventi; la formulazione di una politica più efficace per la protezione dei diritti umani e la promozione della democrazia.
Carletti, C. (2015). Diritti umani e democrazia: il nuovo Piano d’Azione dell’Unione europea per il 2015-2019. LA CITTADINANZA EUROPEA(2), 79-101.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/298214
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact