A proposito di due nuovi studi sugli epigrammi pseudo-senecani