Quando la filatelia non fa i conti con la filologia