“Amor sui” e costituzione immaginaria del Sé