Il corpo biopolitico nel ‘Capitale’ di K. Mar