Le conseguenze politiche della teoria cartesiana della stima