Note critiche sulla natura giuridica degli istituti di credito “di diritto pubblico” e la qualità di pubblico ufficiale dei loro dipendenti