Quando Narciso sale in cattedra, ovvero del paradosso dell’educare