Una cosa ovvia. Carla Accardi, Tenda, 1965-1966