“La rivolta dei santi maledetti”. Un libro pericoloso?