"Fare cattleya" al tempo delle mail