La camera oscura dell’interiorità e la reduplicazione di sé: Rousseau tra Descartes e Proust