Antonia Pozzi e Kafka: una congettura