La versione latina delle Antiquitates Judaicae di Giuseppe Flavio tra filologia, codicologia e paleografia. Un nuovo testimone e qualche riflessione