L’appartenenza come tecnica di regolazione (a proposito di «Regulatory Property Rights»)