Le metafore dantesche della cecità mentale e dell'enfiagione di avari e superbi