Note sulla «antipaticità» del ricorso per cassazione tra inammissibilità e manifesta infondatezza