Suprema corte: una cura sbagliata che incide sui diritti