Minorità come fabulazione. Deleuze e il popolo che manca tra letteratura e cinema