L’immagine dei beni in Cassazione, ovvero: l’insostenibile leggerezza della logica proprietaria