Una difesa del metodo storico-critico nella filosofia della fisica: il caso del tempo