Nel quadro dei lavori della 71° Sessione dell’organo assembleare, più precisamente della sua Terza Commissione, nel quale il dibattito verte sui temi di carattere sociale, umanitario e culturale, comprensivi della materia dei diritti umani, il 4 novembre 2016 il Presidente del Consiglio dei Diritti Umani Choi Kyong-lim ha presentato il Rapporto annuale delle attività dell’organo sussidiario dell’Assemblea generale, articolatesi in occasione della convocazione delle sue sessioni ordinarie e speciali a Ginevra, sollecitando un interessante dialogo interattivo ed una discussione generale circa l’opportunità di rafforzare la Machinery e di apportare eventuali correttivi per assicurare alti standard di tutela dei diritti umani in tutti gli Stati membri dell’Organizzazione. Nel secondo paragrafo del presente contributo si focalizzerà l’attenzione sugli aspetti di maggior rilievo introdotti nel Rapporto annuale del Consiglio dei Diritti Umani, di natura sia tematica o geografica che procedurale, al fine di comprendere le principali modalità di intervento per il miglioramento della Machinery a distanza di dieci anni dalla istituzione del Consiglio stesso. Il paragrafo conclusivo sarà invece dedicato ad un importante contributo inerente una tra le principali novità operative introdotte nel 2006 nel nuovo assetto organico, ovvero la configurazione del meccanismo della Revisione periodica universale (UPR – Universal Periodic Review): tale contributo è stato elaborato da una rete di organizzazioni non governative di stanza a Ginevra, la UPR Info, e costituisce un utile strumento di lettura ed analisi del meccanismo in parola, rilevandone elementi positivi e criticità per il concreto rispetto degli standard minimi e massimi di tutela dei diritti umani.

Carletti Cristiana (2016). Per una valutazione complessiva della Human Rights Machinery di Ginevra per il 2016, con particolare riferimento al Meccanismo della Revisione Periodica Universale (UPR). ORDINE INTERNAZIONALE E DIRITTI UMANI(5), 946-953.

Per una valutazione complessiva della Human Rights Machinery di Ginevra per il 2016, con particolare riferimento al Meccanismo della Revisione Periodica Universale (UPR)

CARLETTI, CRISTIANA
2016

Abstract

Nel quadro dei lavori della 71° Sessione dell’organo assembleare, più precisamente della sua Terza Commissione, nel quale il dibattito verte sui temi di carattere sociale, umanitario e culturale, comprensivi della materia dei diritti umani, il 4 novembre 2016 il Presidente del Consiglio dei Diritti Umani Choi Kyong-lim ha presentato il Rapporto annuale delle attività dell’organo sussidiario dell’Assemblea generale, articolatesi in occasione della convocazione delle sue sessioni ordinarie e speciali a Ginevra, sollecitando un interessante dialogo interattivo ed una discussione generale circa l’opportunità di rafforzare la Machinery e di apportare eventuali correttivi per assicurare alti standard di tutela dei diritti umani in tutti gli Stati membri dell’Organizzazione. Nel secondo paragrafo del presente contributo si focalizzerà l’attenzione sugli aspetti di maggior rilievo introdotti nel Rapporto annuale del Consiglio dei Diritti Umani, di natura sia tematica o geografica che procedurale, al fine di comprendere le principali modalità di intervento per il miglioramento della Machinery a distanza di dieci anni dalla istituzione del Consiglio stesso. Il paragrafo conclusivo sarà invece dedicato ad un importante contributo inerente una tra le principali novità operative introdotte nel 2006 nel nuovo assetto organico, ovvero la configurazione del meccanismo della Revisione periodica universale (UPR – Universal Periodic Review): tale contributo è stato elaborato da una rete di organizzazioni non governative di stanza a Ginevra, la UPR Info, e costituisce un utile strumento di lettura ed analisi del meccanismo in parola, rilevandone elementi positivi e criticità per il concreto rispetto degli standard minimi e massimi di tutela dei diritti umani.
Carletti Cristiana (2016). Per una valutazione complessiva della Human Rights Machinery di Ginevra per il 2016, con particolare riferimento al Meccanismo della Revisione Periodica Universale (UPR). ORDINE INTERNAZIONALE E DIRITTI UMANI(5), 946-953.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/317583
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact