Equo processo e riconoscimento di sentenze straniere: il caso Pellegrini