Tra la mano e il metallo. Freud, Benjamin e l'inconscio ottico