Dove va il documentario contemporaneo?