Paul Valéry e i fiori di Jean Paulhan : tra retorica e terrore