La "cartina muta" e il paesaggio culturale