Norman Manea e la lingua romena: figure retoriche di un amore