Dopo avere proposto in apertura, a mo’ di exergo, una breve intervista, pubblicata su “La Stampa” il I dicembre 1997, testimonianza del Gilbert Dagron vivo e conversativo, conosciuto e ammirato accanto al Gilbert Dagron accademico, questo ricordo del grande studioso e maestro ripercorre la sua lunga e brillante carriera di intellettuale – ivi compreso il suo stretto legame con l’intelligencija moscovita d’oltrecortina –, per soffermarsi, fra i molti temi della sua riflessione e produzione scientifica, sulla sua analisi del rapporto tra Stato e Chiesa, o meglio del rapporto tra ideologia e religione, sempre suscettibile alla degenerazione nelle opposte, eppure parallele, deformazioni del totalitarismo e dell’integralismo. In particolare, si esamina la sua opera Empereur et prêtre in rapporto al cesaropapismo bizantino e alla sua interpretazione nell’islam nella figura del khalîfa, oggetto nel mondo odierno di tendenziose e pericolose mistificazioni. Riaprendo il dossier di Bisanzio con i sottili, affilati strumenti storici che l’onestà intellettuale, l’intelligenza politica e la minuziosa erudizione di Dagron ci hanno consegnato, riandando alle radici bizantine del rapporto tra Chiesa e Stato e tra potere politico e potere religioso, è possibile dissipare alcuni pregiudizi che oscurano la nostra percezione di quello che oggi viene impropriamente chiamato “scontro di civiltà”.

Ronchey, S. (2016). L'attualità del pensiero storico-politico di Gilbert Dagron. RIVISTA DI STORIA E LETTERATURA RELIGIOSA, 52(3), 421-427.

L'attualità del pensiero storico-politico di Gilbert Dagron

Silvia Ronchey
2016

Abstract

Dopo avere proposto in apertura, a mo’ di exergo, una breve intervista, pubblicata su “La Stampa” il I dicembre 1997, testimonianza del Gilbert Dagron vivo e conversativo, conosciuto e ammirato accanto al Gilbert Dagron accademico, questo ricordo del grande studioso e maestro ripercorre la sua lunga e brillante carriera di intellettuale – ivi compreso il suo stretto legame con l’intelligencija moscovita d’oltrecortina –, per soffermarsi, fra i molti temi della sua riflessione e produzione scientifica, sulla sua analisi del rapporto tra Stato e Chiesa, o meglio del rapporto tra ideologia e religione, sempre suscettibile alla degenerazione nelle opposte, eppure parallele, deformazioni del totalitarismo e dell’integralismo. In particolare, si esamina la sua opera Empereur et prêtre in rapporto al cesaropapismo bizantino e alla sua interpretazione nell’islam nella figura del khalîfa, oggetto nel mondo odierno di tendenziose e pericolose mistificazioni. Riaprendo il dossier di Bisanzio con i sottili, affilati strumenti storici che l’onestà intellettuale, l’intelligenza politica e la minuziosa erudizione di Dagron ci hanno consegnato, riandando alle radici bizantine del rapporto tra Chiesa e Stato e tra potere politico e potere religioso, è possibile dissipare alcuni pregiudizi che oscurano la nostra percezione di quello che oggi viene impropriamente chiamato “scontro di civiltà”.
Ronchey, S. (2016). L'attualità del pensiero storico-politico di Gilbert Dagron. RIVISTA DI STORIA E LETTERATURA RELIGIOSA, 52(3), 421-427.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Ricordo di Dagron.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Documento in Post-print
Dimensione 1.26 MB
Formato Adobe PDF
1.26 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/326329
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact