L’italiano e la fiorentinità, ieri e oggi