La scrittura come memoria tra passato, presente e futuro