This contribution consists of a collection, analysis, and classification of all the 270 mentions of M. Terentius Varro in the « Corpus Grammaticorum Latinorum », together with a recognition of the different functional typologies to which they belong. The various strands of linguistic tradition to which these references go back are also reconstructed. The breadth and importance of Varro’s presence as a source of linguistic documentation in the tradition of scholarly works de Latinitate is highlighted, with particular attention to the extensive use of a wide range of literary and technical Varronian works by Pliny the Elder (Dubii sermonis libri VII).

Raccolta, analisi e classificazione del complesso delle 270 menzioni di M. Terenzio Varrone nel « Corpus grammaticorum Latinorum », con individuazione delle diverse tipologie funzionali cui esse appartengono. Vengono ricostruiti i diversi filoni di tradizione linguistica cui tali menzioni risalgono. Si evidenzia l’ampiezza e l’importanza della presenza di Varrone come fonte di documentazione linguistica nella tradizione delle opere erudite de Latinitate, e si individua in particolare la diffusa utilizzazione di un ampio ventaglio di opere varroniane, letterarie e tecniche, da parte di Plinio il Vecchio nei suoi Dubii sermonis libri VII.

DE NONNO, M. (2016). Forme e modi della presenza di Varrone nei grammatici latini. Tracce di dottrina e documentazione linguistica. RES PUBLICA LITTERARUM, 39, 113-139.

Forme e modi della presenza di Varrone nei grammatici latini. Tracce di dottrina e documentazione linguistica

Mario De Nonno
2016

Abstract

Raccolta, analisi e classificazione del complesso delle 270 menzioni di M. Terenzio Varrone nel « Corpus grammaticorum Latinorum », con individuazione delle diverse tipologie funzionali cui esse appartengono. Vengono ricostruiti i diversi filoni di tradizione linguistica cui tali menzioni risalgono. Si evidenzia l’ampiezza e l’importanza della presenza di Varrone come fonte di documentazione linguistica nella tradizione delle opere erudite de Latinitate, e si individua in particolare la diffusa utilizzazione di un ampio ventaglio di opere varroniane, letterarie e tecniche, da parte di Plinio il Vecchio nei suoi Dubii sermonis libri VII.
This contribution consists of a collection, analysis, and classification of all the 270 mentions of M. Terentius Varro in the « Corpus Grammaticorum Latinorum », together with a recognition of the different functional typologies to which they belong. The various strands of linguistic tradition to which these references go back are also reconstructed. The breadth and importance of Varro’s presence as a source of linguistic documentation in the tradition of scholarly works de Latinitate is highlighted, with particular attention to the extensive use of a wide range of literary and technical Varronian works by Pliny the Elder (Dubii sermonis libri VII).
DE NONNO, M. (2016). Forme e modi della presenza di Varrone nei grammatici latini. Tracce di dottrina e documentazione linguistica. RES PUBLICA LITTERARUM, 39, 113-139.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/328990
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact