Una sociologia visuale wittgensteinianamente avvertita