“We have made Italy. Now we must make Italians” says a famous motto commonly attributed to Massimo d’Azeglio, one of the protagonists of the Italian “Risorgimento”. In 1861, in fact, when the Kingdom of Italy was unified from a legal point of view, it was still extremely fragmented from a cultural point of view. The aim of this article is to analyze how historical paintings (and in particular those representing Roman law-related themes) have been used in the Aula Massima of the Palace of Justice in Rome to fill the gap between the “legal country" and "real country", in the period between the late 19th and early 20th century. The undisputed director of this operation was Giuseppe Zanardelli, several times Minister of Justice, who personally chose "the stories of Roman law" to be reproduced, using art and narrative as helpful tools to handle the crisis of a Kingdom still looking for an identity .

“Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani”, recita un celebre motto attribuito a Massimo D’Azeglio, protagonista del Risorgimento, il movimento politico che avrebbe portato, nel 1861, all’Unità d’Italia. Nel 1870 Roma divenne la capitale di un Regno unito dal punto di vista giuridico ma estremamente frammentato dal punto di vista culturale. L’obiettivo di questo articolo è analizzare come la pittura storica (ed in particolare la rappresentazione di temi inerenti il diritto romano) sia stata utilizzata nell’Aula Massima del Palazzo di Giustizia di Roma proprio per colmare il divario esistente tra “paese legale” e “paese reale” tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Regista indiscusso di questa operazione fu il più volte Ministro Guardasigilli Giuseppe Zanardelli, che personalmente scelse le “storie di diritto romano” da riprodurre, usando l’arte e la narrazione come strumenti utili a gestire la crisi di un Regno ancora in cerca della sua identità.

Gialdroni, S. (2019). (Hi)stories of Roman Law. Cesare Maccari’s frescoes in the Aula Massima of the Italian Supreme Court. FORUM HISTORIAE IURIS.

(Hi)stories of Roman Law. Cesare Maccari’s frescoes in the Aula Massima of the Italian Supreme Court

Gialdroni, Stefania
2019

Abstract

“Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani”, recita un celebre motto attribuito a Massimo D’Azeglio, protagonista del Risorgimento, il movimento politico che avrebbe portato, nel 1861, all’Unità d’Italia. Nel 1870 Roma divenne la capitale di un Regno unito dal punto di vista giuridico ma estremamente frammentato dal punto di vista culturale. L’obiettivo di questo articolo è analizzare come la pittura storica (ed in particolare la rappresentazione di temi inerenti il diritto romano) sia stata utilizzata nell’Aula Massima del Palazzo di Giustizia di Roma proprio per colmare il divario esistente tra “paese legale” e “paese reale” tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Regista indiscusso di questa operazione fu il più volte Ministro Guardasigilli Giuseppe Zanardelli, che personalmente scelse le “storie di diritto romano” da riprodurre, usando l’arte e la narrazione come strumenti utili a gestire la crisi di un Regno ancora in cerca della sua identità.
“We have made Italy. Now we must make Italians” says a famous motto commonly attributed to Massimo d’Azeglio, one of the protagonists of the Italian “Risorgimento”. In 1861, in fact, when the Kingdom of Italy was unified from a legal point of view, it was still extremely fragmented from a cultural point of view. The aim of this article is to analyze how historical paintings (and in particular those representing Roman law-related themes) have been used in the Aula Massima of the Palace of Justice in Rome to fill the gap between the “legal country" and "real country", in the period between the late 19th and early 20th century. The undisputed director of this operation was Giuseppe Zanardelli, several times Minister of Justice, who personally chose "the stories of Roman law" to be reproduced, using art and narrative as helpful tools to handle the crisis of a Kingdom still looking for an identity .
Gialdroni, S. (2019). (Hi)stories of Roman Law. Cesare Maccari’s frescoes in the Aula Massima of the Italian Supreme Court. FORUM HISTORIAE IURIS.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/331145
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact