Senza variazione non c’è cultura