Allegato Speciale a "Il Giornale dell'Architettura" con la pubblicazione degli esiti della quinta edizione del "Premio di Architettura FBM", concorso riservato a giovani progettisti e neolaureati under 30, coordinato dall'autore insieme al Prof. Pierre-Alain Croset, presidente della giuria, e al prof. Richard Ingersoll. Il Premio è stato organizzato nelle diverse edizioni in collaborazione con diverse Amministrazioni di Comuni dell'Umbria, redigendo bandi estremamente attenti alle istanze del territorio, in aree selezionate ai margini delle città, per arrivare a proporre un loro recupero sostenibile e realistico. A tale scopo il Premio è da sempre stato organizzato in due fasi, una prima a procedura aperta, che lascia libertà più ampia di proposta alla scala urbana, e una seconda riservata ai sei migliori progettisti selezionati al termine della prima fase, a cui viene sottoposto un progetto alla scala architettonica, con bando molto più stringente, accompagnato dall'iniziativa di invitare i progettisti a un incontro con l'Amministrazione, di cui esplorare di persona le necessità ed opinioni sull'area oggetto di intervento. Lo speciale descrive gli esiti della quinta edizione, per la prima volta patrocinata direttamente dalla Regione Umbria, che ha ampliato la scala di intervento al contesto della F.C.U., Ferrovia Regionale, legando le aree in prossimità delle stazioni a un piano di sviluppo del territorio su scala sovracomunale, seguendo l'asse della vecchia via Flaminia.

Converso, S. (2013). Proposte concrete per il territorio. Il quinto premio di Architettura FBM - "Lungo la vecchia via Flamina". IL GIORNALE DELL'ARCHITETTURA(Allegato Speciale), 1-4.

Proposte concrete per il territorio. Il quinto premio di Architettura FBM - "Lungo la vecchia via Flamina"

CONVERSO, STEFANO
2013

Abstract

Allegato Speciale a "Il Giornale dell'Architettura" con la pubblicazione degli esiti della quinta edizione del "Premio di Architettura FBM", concorso riservato a giovani progettisti e neolaureati under 30, coordinato dall'autore insieme al Prof. Pierre-Alain Croset, presidente della giuria, e al prof. Richard Ingersoll. Il Premio è stato organizzato nelle diverse edizioni in collaborazione con diverse Amministrazioni di Comuni dell'Umbria, redigendo bandi estremamente attenti alle istanze del territorio, in aree selezionate ai margini delle città, per arrivare a proporre un loro recupero sostenibile e realistico. A tale scopo il Premio è da sempre stato organizzato in due fasi, una prima a procedura aperta, che lascia libertà più ampia di proposta alla scala urbana, e una seconda riservata ai sei migliori progettisti selezionati al termine della prima fase, a cui viene sottoposto un progetto alla scala architettonica, con bando molto più stringente, accompagnato dall'iniziativa di invitare i progettisti a un incontro con l'Amministrazione, di cui esplorare di persona le necessità ed opinioni sull'area oggetto di intervento. Lo speciale descrive gli esiti della quinta edizione, per la prima volta patrocinata direttamente dalla Regione Umbria, che ha ampliato la scala di intervento al contesto della F.C.U., Ferrovia Regionale, legando le aree in prossimità delle stazioni a un piano di sviluppo del territorio su scala sovracomunale, seguendo l'asse della vecchia via Flaminia.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11590/332946
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact