Retorica dei diritti e retorica dei doveri: qualche considerazione "scomoda"