Su un frammento di Cicerone in Rufino di Antiochia