Il capitolo De versuum generibus compreso nel terzo libro dell'Ars grammatica di Diomede non riflette l'opera di un metricista del sec. I a.C. e tanto meno una trattazione de metris di M. Terenzio Varrone. Risale invece a Cesio Basso attraverso l'intermediazione di numerose altre fonti.

D'Alessandro, P. (2003). - Cesio Basso e il De versuum generibus di Diomede. In Incontri triestini di filologia classica (pp. 115-130). ITA : Edizioni Università di Trieste.

- Cesio Basso e il De versuum generibus di Diomede

P. D'ALESSANDRO
2003-01-01

Abstract

Il capitolo De versuum generibus compreso nel terzo libro dell'Ars grammatica di Diomede non riflette l'opera di un metricista del sec. I a.C. e tanto meno una trattazione de metris di M. Terenzio Varrone. Risale invece a Cesio Basso attraverso l'intermediazione di numerose altre fonti.
888303130X
D'Alessandro, P. (2003). - Cesio Basso e il De versuum generibus di Diomede. In Incontri triestini di filologia classica (pp. 115-130). ITA : Edizioni Università di Trieste.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11590/336088
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact