Merola, il re perdente