Quando il giudicare sostituisce l'analisi