Sull'applicazione del diritto internazionale al caso dei "marò"