Cittadinanza, diritto internazionale e sintonizzazione empatica nel «mondo uno»