“Contemplazione e distacco: per una teoria wittgensteiniano del cinema”