Lo straniero benevolo Su alcune poesie “cinesi” di Fortini